domenica 22 marzo 2015

Intervista a Steve Wynn (20.3.15)

intervista esclusiva a Steve Wynn rilasciata ad Alcepedia prima del concerto al Caffè Rossetti di Trieste, in calce la traduzione.

This is gonna be your fourth concert in Trieste, what's your relationship with the local audience ? Do you have some special memories of the past shows ?

Really?  Only the fourth?  Wow, it seems like more than that.  Hmmmm....we'll have to check on that.  But I can tell you without any hesitation that I've enjoyed every show I've played in Trieste.  So much enthusiasm and excitement and lack of hesitation and inhibition.  All the things I love in an audience.  And sometimes even James Joyce comes to the show.

When have you first come up with the idea of undertaking a one-man-band electric tour ?

I enjoy doing these stripped down tours of Europe every few years.  It's a way of challenging myself to find new things from within and to rediscover  and reassess my history.  And then last Fall in New York I saw 3 different performers--Grant Hart, Bob Mould and Elvis Costello--do solo electric shows and I really liked it.  It was a realization that you can be a rocker playing solo and still rock like you do with a band.  It's a natural fit for me.

Are you planning on doing a similar tour in the States ?

I've already done 5 shows like this in the States and I'm sure I'll do more.  The reaction has been really good.

In Trieste, you'll be sharing the evening with “Cheap Wine”, in my opinion one of the most interesting italian rock bands around. Will you play together on stage ?

There is a rumor that might happen.  I've known Marco and the boys for a long time and we have played together in the past.  Let's see what happens!

To what extent has the move from L.A. to N.Y. affected your career ?

In such a big way.  What did Nilsson say in "Everybody's Talking?"  Oh yeah, "I'm going where the weather suits my clothes."  But in this case I went where the city suits my personality--lots of walking, lots of visual stimulation, overheard conversations, mixtures of language and food and personalities and all of it around you at every moment.  And when you're walking around New York City, even though you're with millions of people, you're also alone and invisible.  Very good for songwriting and thinking.

Is it true that you're planning on recording a brand new Dream Syndicate's album? Have you started working on it on your own or will it be a team effort ?

A little of both.  The band is sounding so fantastic these days and we're particularly good at longer songs and improvisation and I'd like to have some of that on the record.  

And what about the Miracle 3 ? In this regard, is there any outtakes from the "Here Comes The Miracles" era waiting to be published ? 

Actually we used all but one song from that session on the double album that came out.  That was 19 songs--the only other one was called "Bitch Pants."  Yes, a pretty silly title and song.  I bet that will come out some day.  It's pretty funny.  But I do want to do a Desert Trilogy Complete collection someday, every song from that record, "Static Transmission" and "...tick...tick...tick."  It was a great, exciting, inspirational period and it would be nice to document it in some kind of coherent context.

There is a 22-years gap between “Lost Weekend” and “Cast Iron Soul”, the two Danny and Dusty's records, what's your current relationship with Dan Stuart ? Will there be any further collaboration ?

I was just talking about that gap last night.  I can't think of many other cases where there was a 22 year gap between a debut and second album.  Dan and I did a show together in Zurich a few nights ago and it was really fun.  I don't think you've heard the last from Danny & Dusty.

Have you ever thought about recording a cover album ?
Besides “Wynn plays Dylan”, of course.

I am thinking about doing some shows--and maybe another collection of covers--next year for Dylan's 75th birthday.  That one show at Hana Bi was so much fun and I bet that I'd enjoy doing it again.  I also did a Lou Reed show with the Miracle 3 last year that was great.  I love doing things like that.  Good way for me to learn new things and it's always fun for the audience.  Stay tuned.  I bet I'll be doing more of these things.

Apart from being a musician, I know you are a music collector too, is there any new band you've particularly liked recently ?

I think there's some great music right now.  I love Sun Kil Moon, The War On Drugs, Phosphorescent, the latest from D'Angelo, the Black Keys, the last Tom Petty and Ryan Adams albums--lots of people at the top of their game right now.  It's inspiring.

What do you think about the new trends of music on demand like Spotify and related ? Do you think a platform like Tidal could be a good middle way between quality and trend ? I personally think that a player like Pono is not likely to catch on the general public nor the audiophiles, what do you think about it ?

I don't know Tidal.  Should I be scared?  Of course, I have mixed feelings about Spotify.  As a fan, it's easy and convenient.  As a musician it's proof that new CDs will continue to sell less and less or just not exist.  But music never goes away.  Everything always changes.  I'll still write, I'll still record, I'll still play--just the ways of connecting those things to the fans will change.  I'm not worried.

What are the five records you have been listening the most to, lately ?
And the five you'd take to a desert island ?

I'm always listening to something by Bob Dylan.  Lately it's Tell Tale Signs, the official bootleg collection from a few years ago.  I downloaded (legally!) the last concert of the Allman Brothers at the Beacon in New York and I've been playing that a lot.  Oh, and a great African band called Tamikrest.  Like Tinariwen but even more rocking.  Desert Island?  Man, I've got my phone and a little travel speaker.  Why?  Because touring IS a desert island.  I'm always ready.  

                                                  Photo by Francesco Chiot

Questo sarà il tuo quarto concerto a Trieste: qual è il tuo rapporto con il pubblico locale? Hai qualche ricordo speciale degli ultimi spettacoli?

Davvero? Solo il quarto? Wow, mi sembravano di più... Posso dire senza alcuna esitazione che ho amato ogni spettacolo tenuto a Trieste. Ho trovato sempre tanto entusiasmo ed eccitazione e mancanza di esitazione e di inibizione. Tutte le cose che amo in un pubblico. E a volte anche James Joyce è presente allo spettacolo...

Com’è nata l’idea di intraprendere un tour elettrico one-man-band?

Mi piace fare questi tour da solista in Europa. E' un modo per sfidare me stesso, per trovare nuovi stimoli e per riscoprire e rivalutare la mia storia. E poi lo scorso autunno a New York ho visto tre interpreti - Grant Hart, Bob Mould e Elvis Costello - fare spettacoli elettrici solisti e mi è veramente piaciuto. Assistendo ai loro show, ho realizzato che si può essere un rocker che si esibisce da solista e comunque suona come si fa con una band. Si tratta di una scelta naturale per me.

Hai intenzione di realizzare un tour simile negli Stati Uniti?

Ho già tenuto cinque spettacoli come questo negli Stati Uniti e sono sicuro che ne farò altri. La reazione del pubblico è stata davvero buona.

A Trieste condividerai la serata con i Cheap Wine, a nostro parere uno dei più interessanti gruppi rock italiani. Suonerete insieme sul palco?

Conosco Marco e i ragazzi da tanto tempo e abbiamo suonato insieme in passato. Vediamo cosa succede! 

In che misura il trasferimento da Los Angeles a New York ha influenzato la tua carriera? 

Molto. Che cosa ha detto Nilsson in "Everybody's talking?". Oh sì, ha detto "Vado dove il tempo si adatta ai miei vestiti." Ma in questo caso sono andato dove la città si adattava alla mia personalità: un sacco di passeggiate, un sacco di stimoli visivi, conversazioni, miscele di lingua, cibo e costumi. Ttutto intorno a te in ogni momento. E quando sei a piedi in giro per New York City, anche se sei con milioni di persone, sei anche solo e invisibile. Ottimo per comporre e pensare

E' vero che hai intenzione di registrare un nuovo album dei Dream Syndicate? Hai iniziato a lavorarci su da solo o sarà un lavoro di squadra?

Un po' di entrambi. La band sta suonando in modo fantastico e siamo particolarmente a nostro agio con le canzoni più lunghe e l'improvvisazione: vorrei trasferire un po' di questi elementi sul disco.

E i Miracle 3? A questo proposito, c'è qualche outtakes del periodo di "Here Comes The Miracles" in attesa di essere pubblicato?

In realtà abbiamo usato tutte le canzoni, di quella sessione, tranne una, per il doppio album con 19 brani che alla fine è uscito. L'unico brano non utilizzato è intitolato “Bitch Pants”. Sì, lo ammetto: un titolo e canzone abbastanza sciocchi. Scommetto che verrà pubblicato. E 'abbastanza divertente. Ma io vorrei realizzare una collezione completa della “Desert Trilogy” con ogni canzone da quel  disco, “Here Comes The Miracles", da "Static Transmission" e "... tick ... tick ... tick". E' stato un grande, emozionante, periodo di ispirazione e sarebbe bello documentarlo in qualche tipo di contesto coerente.

C'è un gap di 22 anni tra "Lost Weekend" e "Cast Iron Soul", i due dischi di Danny & Dusty, qual è il tuo rapporto attuale con Dan Stuart dei Green On Red? Ci saranno ulteriori collaborazioni?

Ne stavo giusto parlandone ieri sera. Non riesco a pensare a molti altri casi in cui vi sia stato un divario di 22 anni tra un album d'esordio e il secondo. Dan ed io abbiamo tenuto uno spettacolo insieme a Zurigo poche sere fa ed è stato davvero divertente. Non credo quindi che abbiate sentito Danny & Dusty per l'ultima volta...

Hai mai pensato di registrare un album di cover? Oltre a "Wynn interpreta Dylan", naturalmente. 

Sto pensando di tenere alcuni spettacoli - e forse pubblicare un'altra raccolta di cover - il prossimo anno per il 75 ° compleanno di Dylan. Quello spettacolo al Hana Bi era così divertente e mi piacerebbe farlo di nuovo. Ho realizzato anche uno show su Lou Reed con i Miracle 3 l'anno scorso, che è stato grande. Mi piace fare cose del genere. E' un buon modo per me di imparare cose nuove ed è sempre divertente per il pubblico. Rimanete sintonizzati. Scommetto che farò altre cose di questo tipo.

Oltre ad essere un musicista, so che sei anche un collezionista di musica: c'è qualche nuova band che le è particolarmente piaciuta di recente?

Penso che ci sia della buona musica in questo momento. Amo Sun Kil Moon, The War On Drugs, Phosphorescent, l'ultimo di D'Angelo, i Black Keys, gli ultimi album di Tom Petty e Ryan Adams - un sacco di musicisti al vertice in questo momento. E' stimolante.

Che ne pensi delle nuove tendenze della musica on demand come Spotify e affini? Pensa che una piattaforma come Tidal potrebbe essere una buona via di mezzo tra qualità e tendenza? Personalmente ritengo che un artista come Pono non sia in grado di attirare il pubblico in generale né gli audiofili, cosa ne pensi?

Non conosco Tidal. Dovrei essere spaventato? Certo, ho sentimenti contrastanti su Spotify. Come fan, è facile e conveniente. Come musicista è la prova che i CD continueranno a vendere sempre meno o semplicemente non esisteranno più. Ma la musica non se ne va mai. Tutto cambia continuamente. Io scriverò ancora , registrerò ancora , suonerò ancora: solo i modi per collegare queste cose con i fan cambieranno. Non sono preoccupato.

Quali sono i cinque dischi che stai ascoltando più, ultimamente? E i cinque che si porteresti su un'isola deserta?

Ascolto sempre qualcosa di Bob Dylan. Ultimamente è “Tell Tale Signs”, la collezione ufficiale di bootleg di qualche anno fa. Ho scaricato (legalmente!) l'ultimo concerto degli Allman Brothers al Beacon di New York e l'ho ascoltato un sacco. E una grande band africana chiamata Tamikrest. Come i Tinariwen, ma ancora più rock. Su un'isola deserta? Ho il mio telefonino e un piccolo altoparlante da viaggio. Perché andare in tour è come arrivare su un'isola deserta. Io sono sempre pronto.

Nessun commento:

Posta un commento